11-12-13 ottobre ore 21:00      Con: Giacomo De Rose, Jacopo Fazzini, Pierangelo Menci Regia e drammaturgia: Jacopo Neri Musiche origin...

 11-12-13 ottobre ore 21:00     


Con: Giacomo De Rose, Jacopo Fazzini, Pierangelo Menci
Regia e drammaturgia: Jacopo Neri
Musiche originali: Enrico Truffi
Disegno luci: Luca Rovani
Costumi e scene: Carlo Vinardi
Progetto grafico: Alessia Kuster
Produzione: Eat the catfish ®



Tre fratelli si ritrovano alla vigilia di Pasqua: Luca (29 anni), che ha da poco superato una dipendenza da stupefacenti; Davide (32), che lo ha assistito da solo nella casa dei genitori; Marco (35), che torna da Parigi, dove nell’ultimo anno è diventato un medico di successo. Consapevole di aver ignorato a lungo i problemi della famiglia, Marco è ansioso di redimersi, e offre a Luca un lavoro in una prestigiosa società francese. Ma le conseguenze della proposta gli sfuggono di mano quando Davide si rivela incapace di separarsi dal fratello minore e di accettarne veramente la guarigione. Si avvia così una lunga schermaglia psicologica al culmine della quale Luca, suo malgrado, arriverà a fingere una ricaduta per “restituire” a Davide un malato di cui prendersi cura. 

Più che al tema della dipendenza materiale, questo lavoro guarda alla dipendenza mentale ed emotiva che una storia di droga può innescare nel cuore di una famiglia. Le cattive abitudini è un dramma da camera sulle ambivalenze dell'amore, dei sensi di colpa, delle responsabilità a cui chiama il legame di sangue – questo il terreno scivoloso su cui si gioca il tentativo di sciogliere, una volta per tutte, il debito che vincola una vittima al suo salvatore.

 6-7-8 ottobre ore 21:00 - domenica 9 ottobre ore 17:30     di e con   Francesco Eleuteri

 6-7-8 ottobre ore 21:00 - domenica 9 ottobre ore 17:30    


di e con  

Francesco Eleuteri

 Sabato 8 ottobre ore 17:00           di  Alfonsina Rossi Brunori  con la partecipazione  Francesco Eleuteri

 Sabato 8 ottobre ore 17:00          


di 

Alfonsina Rossi Brunori 

con la partecipazione 

Francesco Eleuteri

 Dal 2 al 5 febbraio ore 21:00

 Dal 2 al 5 febbraio ore 21:00



 Dal 26 settembre al 2 ottobre Vernissage martedì 27 settembre ore 19:00

 Dal 26 settembre al 2 ottobre

Vernissage martedì 27 settembre ore 19:00



 1 - 2 - 3 Giugno Ore 21:00 La storia di un fiore malato Uno spettacolo di Mariaelena Masetti Zannini Regia di Emanuale Bosco e Mariaelena M...

 1 - 2 - 3 Giugno Ore 21:00

La storia di un fiore malato

Uno spettacolo di Mariaelena Masetti Zannini
Regia di Emanuale Bosco e Mariaelena Masetti Zannini 
audio originali Laura Rinaldoni 
Scene e costumi Alexandros Mars 
Arte rituale erotica del corpo a cura di Niko Marinelli 
Disegno luci Stefano Germani 
tecnico luci e audio Ettore Bianco 
Ufficio stampa Laura Gobbo




Con 
Laura Rinaldoni 
Ilaria Amadei 
Sylvia Di Ianni 
Antonio Fazio 
Marco Fioramanti 
Stefano Germani 
Niko Marinelli 
Anthony Rosa 
Samuele Maria Pungitore 
Mariaelena Masetti Zannini 
E con il marito Andrea Vangelisti e la sorella Daniela Rinaldoni

OrchiDea, storia di un fiore malato, è il racconto della vita di Laura Rinaldoni, una giovane donna colpita dal morbo di Parkinson che confessa emozioni a caldo ed esperienze di vita forti, spesso estreme, legate alla sessualità e al dramma farmacologico che scatena in questa malattia e quindi in lei, impulsi violenti e autolesionisti.
Lo spettacolo nasce dalla volontà di portare sul palcoscenico la verità delle sue parole, attraverso audio originali che negli anni la donna ha tenuto gelosamente nascosti come un diario segreto e che ora, come un film onirico, attraverso la drammaturgia di quest’opera, prenderanno vita sul palcoscenico del teatro Tordinona a Roma, dopo oltre 2 anni dal debutto, dal 1 al 3 Giugno 2022 . Sarà la stessa Laura, presente in scena, a testimoniare la follia della sua disarmante realtà come un’equilibrista fragile sulle corde della vita.

 Dal 19 al 22 maggio ore 21:00 - domenica ore 18:00 Regia di Gianni Quinto Con  Federica Calderoni Lucilla Muciaccia Mariano Viggiano Serena...

 Dal 19 al 22 maggio ore 21:00 - domenica ore 18:00


Regia di Gianni Quinto

Con 
Federica Calderoni
Lucilla Muciaccia
Mariano Viggiano
Serena Zamboni


Un uomo e tre donne si presentano a un colloquio dilavoro. Sono tutti altamente qualificati, ma hannocaratteristiche molto diverse fra loro. Potrebbero esseretutti potenzialmente assunti, ma solo uno di loro ce lafarà. Nel clima teso che precede la selezione Marcella,Teresa, Carlo e Francesca si conoscono e hanno modo diconfrontarsi fra loro. Sanno di essere rivali eattingeranno a tutte le loro abilità retoriche e capacitàpersuasive per poter prevaricare l’uno sull'altro. Neiminuti che precedono la selezione tante cose possonoaccadere: rivalità, conflitti di classe e tanta scorrettezza.
Chi di loro ce la farà?
si


 il 9 e 10 maggio ore 21:00 Scritto e diretto da Jacopo Neri Musiche originali di Enrico Truffi con  Giacomo de Rose,  Jacopo Fazzini,  Pier...

 il 9 e 10 maggio ore 21:00


Scritto e diretto da Jacopo Neri

Musiche originali di Enrico Truffi

con 

Giacomo de Rose, 

Jacopo Fazzini, 

Pierangelo Menci



Tre fratelli si ritrovano alla vigilia di Pasqua. Luca, che ha da poco superato una dipendenza da stupefacenti; Davide, che lo ha assistito da solo nella casa dei genitori; Marco, che torna da Parigi, dove nell’ultimo anno è diventato un medico di successo. Consapevole di aver ignorato a lungo i problemi della famiglia, Marco è ansioso di redimersi, e offre a Luca un lavoro in una prestigiosa società francese. Ma le conseguenze della proposta gli sfuggono di mano quando Davide si rivela incapace di separarsi dal fratello e, forse, di accettarne veramente la guarigione.

Più che al tema della dipendenza materiale, questo nuovo lavoro guarda alla dipendenza psicologica ed emotiva che una storia di droga può innescare nel cuore di una famiglia. Le cattive abitudini è un dramma da camera sull'ambiguità dell'amore, dei sensi di colpa, delle responsabilità a cui chiama il legame di sangue - e, su questo terreno scivoloso, si gioca il tentativo di sciogliere una volta per tutte il debito che vincola una vittima al suo salvatore.

 Dal 12 al 15 maggio ore 20,45 domenica ore 17,45 di Samantha Petrucci regia di  Stefano De Stefani Con Valerio de Stefani Tiziana Bernardin...

 Dal 12 al 15 maggio ore 20,45 domenica ore 17,45



di
Samantha Petrucci

regia di 
Stefano De Stefani

Con
Valerio de Stefani
Tiziana Bernardini
Umberto Fratto


Tommaso, 35 anni, non riesce a scrollarsi di dosso un’educazione famigliare tanto rigida da diventare bigotta e a sentirsi libero di essere quello che è. Vive la sua omosessualità da “velato”, ma non è solo per il suo DNA: in lui c’è anche, perlomeno allo stato embrionale, l’idea che il coming out non sia la sola cosa giusta da fare. Rivive, attraverso alcuni flashback, episodi  che hanno lasciato segni indelebili in lui: atti di bullismo, l’omofobia dei suoi genitori, gli amori. Torna al presente e si trova di fronte al pubblico... ed a una scelta che, finalmente, fa

Valerio De Stefani è Tommaso, Tiziana Bernardini sua madre (e suo padre) e Umberto Fratto  Valentino, personaggio chiave nelle scelte di Tommaso.

La regia è di Stefano De Stefani

Perchè raccontare la storia di Tommaso? Non è un eroe, ne un grande scrittore, ne
un artista affascinante. Tommaso è un uomo di 35 anni, uno di noi e come lui ne
incontriamo tanti, tutti i giorni. Qualcuno incrociando il suo sguardo o osservandolo
mentre lavora, può esserne attratto, incuriosito, qualcun altro non lo vede
nemmeno. Forse Lui vorrebbe incontrare solo questi ultimi, geloso com’è del suo
privato, del suo segreto. Ma Tommaso potrebbe essere un nostro vicino di casa, un
amico, un parente, un fratello o... nostro figlio. Ecco perché facciamo raccontare
proprio a lui il suo vissuto, per dargli la possibilità di riflettere, per fare una scelta, la
sua scelta. Ma anche per dare a noi la possibilità di soffermarci a pensare a quanti
Tommaso o Anna o Alberto o Lucia conosciamo, con i quali lavoriamo gomito a
gomito, incontriamo sull’autobus o dividiamo la stessa casa e di cui sappiamo poco

o nulla, perché la loro verità e “in ombra”!

I personaggi e gli interpreti
TOMMASO: Valerio De Stefani, torna a recitare in teatro dopo alcune esperienze

cinematografiche;

LA MADRE/IL PADRE: Tiziana Bernardini, una “doppia” interpretazione molto impegnativa

che mette in risalto le sue doti di adattamento;

VALENTINO: Umberto Fratto, un giovane attore, ma con una buona esperienza in campo

cinematografico e televisivo.

L’AUTRICE: Samantha Petrucci, sceneggiatrice per il cinema e la televisione, è alla sua

prima esperienza teatrale;

IL REGISTA: Stefano De Stefani, la drammaturgia è la sua prima occupazione, ma si
dedica spesso alla regia di testi suoi e/o di altri autori.

I BIGLIETTI SI POSSONO ACQUISTARE: