Teatro Tordinona Sala Pirandello Venerdi 20 Luglio 2018 doppia replica ore 19:00 e ore 21:00 L'AMORE DIETRO OGNI COSA di Sim...

Teatro Tordinona


Sala Pirandello


Venerdi 20 Luglio 2018 doppia replica ore 19:00 e ore 21:00


L'AMORE DIETRO OGNI COSA

di Simone Di Matteo
Dal libro allo spettacolo per la regia di Guido Del Vento
Contro la violenza parole d’amore

Roma - venerdì 20 luglio presso il Teatro Tordinona, Via Degli Acquasparta 16, andrà in scena alle ore 19:00, e seguirà alle 21:00 la replica, la prima dello spettacolo teatrale L’amore dietro ogni cosa tratto dall’omonimo libro edito dalle Edizioni DrawUp di Simone Di Matteo.  

Il libro, già insignito del Premio per la Letteratura durante l’evento "L’arte dice no alla violenza", organizzato al Centro Espositivo Elsa Morante da A.I.D.E. Nettuno con il Patrocinio di Roma Capitale, è un’opera antologica di racconti, in cui l’autore, con maestria, conduce e trasporta il lettore tra i sentieri e i luoghi dell’amore, verso situazioni d’analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. 

A proposito de L’amore dietro ogni cosa Simone Di Matteo ha dichiarato: Un libro nasce per essere letto, nella speranza di essere compreso, abbracciato, come si abbraccia una fede. L'ho pensato per dovere, perché le parole d’amore creano impegno. L’ho scritto per voi, perché l’amore si nutre di parole per nascere e mantenersi vivo. Torniamo a parlare d’amore, torniamo a scrivere sull’amore, torniamo a leggerlo, a viverlo, a sognare. Perché l’amore è quel miraggio al quale dobbiamo tener fede sempre, un inno contro la violenza e ogni sorta di discriminazione. Perché l’amore non è prerogativa di nessuno, conduce all’amare, e amare è libertà, senza la quale vivere non avrebbe alcun senso. Perché l’amore è dietro ogni cosa. Non c’è errore se si segue l’amore.

L’adattamento teatrale a cura dello stesso Simone Di Matteo, Barbara Bricca, Gabriele Planamente e Guido Del Vento, regista dello spettacolo, conduce per mano lo spettatore all’interno di una dimensione irreale. 

Il protagonista Simon, alle soglie della mezza età, non è ancora riuscito a superare ed elaborare l’abbandono del padre avvenuto durante l’adolescenza. Un padre forte, forse ingombrante, che ha insegnato al figlio che l’amore seppur non basta è al di là di tutto, dietro ogni cosa. Simon reagisce a quest’abbandono rifugiandosi in un fare compulsivo, fino a che arriva qualcosa a fermarlo. Perché, prima o poi, qualcosa ti ferma, che tu lo voglia o no, che tu sia pronto o no. Caduto in coma, l’uomo ripercorre la sua vita, le scelte sbagliate, gli amori folli, le dipendenze affettive, i rifiuti, rivivendo in sostanza l’amore. A ripercorrere questi episodi, attraverso accenti comici, profondi, grotteschi e di riflessione esistenziale, saranno i suoi pensieri, declinati in cinque forme diverse. Passando per fasi di gioco, di confusione, di lotta, di sostegno, di giudizio e di incontro, Simon capirà che tutto quello che ha fatto, lo ha fatto per amore. Soltanto in questo momento, dopo essersi riconciliato con gli insegnamenti del padre, Simon si sentirà pronto per un passaggio superiore.

In scena gli attori Alessandro Di Marco – Barbara Bricca – Cristina Colonnetti – Antonio De Stefano – Federico Galante – Gabriele Planamente 

La regia di Guido Del Vento, dinamica e visionaria, trascina lo spettatore nell’universo interiore di Simon, e quindi dell’autore stesso, in una sorta di Oz della mente, in cui si incontrano le passioni e le paure che, con ogni probabilità, fanno parte di ognuno di noi. I racconti di Di Matteo, delicati e toccanti, hanno offerto spunti per la creazione di personaggi delusi, dolenti e sfiduciati, ma allo stesso tempo pronti, attraverso un percorso di accettazione del dolore e della sofferenza, ad aprirsi a questo sentimento, a riconciliarsi con un padre forte e amorevole, che ha avuto il coraggio di seguire il suo amore.

Tra i partners dell’evento Never Perfect, progetto artistico di Lucia Ferrara, un messaggio umano importante: evidenziare la personale percezione dell’imperfezione e fare in modo che questa non sia motivo di dolore, ma un modo per sentirsi unici, sensibili, autentici. Un inno a chi impara ad amarsi, ad accettarsi, a capirsi, a mostrarsi agli altri con le proprie debolezze e imperfezioni, a sentirsi perfettamente imperfetti, perché la bellezza è una questione d’amore.     

Simone Di Matteo, scrittore, editore, illustratore grafico, dopo le divertenti peripezie al fianco di Tina Cipollari in Pechino Express (reality on the road di Rai2), torna ad indossare la sua veste più consona e abituale, quella dello scrittore, uno scrittore più volte prestato alla TV. Dal mese di marzo 2017 ha ideato il personaggio de L’irriverente che, oltre ad essere protagonista dell’omonimo libro L’irriverente – Cose di questo e qualche altro mondo (DiamonD EditricE novembre 2017), sequel letterario del libro No Maria, io esco!, vive tra le pagine della testata giornalistica M Social Magazine, per cui cura una rubrica settimanale ironica e divertente sulla televisione, le mode e le manie del nostro XXI secolo. 

Guido Del Vento, attore e regista, si forma al Centro Studi Acting di Lucilla Lupaioli. Studia, inoltre, con Mamadou Dioume, attore e collaboratore di Peter Brooke, Raffaella Panichi, Luciano Melchionna. E’ diretto da diversi registi come Lupaioli, Di  Marco,  Melchionna, Freiberg. Nel 2014, diretto da Lucilla Lupaioli, in “False Praetextae” vince il premio “Dante Cappelleti”. È in tournée dal 2015 con la Compagnia Teatro A diretta da Valeria Freiberg e dal 2016 con lo spettacolo “L’altrui Misura” scritto e diretto da Lucilla Lupaioli e Alessandro Di Marco. È protagonista e testimonial di diversi spot pubblicitari diretto da Karl Karman, Luca Lucini, Davide Gentile e molti altri. 



Teatro Tordinona – Via degli Acquasparta, 16 00186 Roma
Ufficio Stampa Mauro Caldera MCPress mob. +39 347 6581216 us.maurocaldera@gmail.com                                                                                                
Info e prenotazioni 347.9923109

Teatro Tordinona Sala Pirandello 14- 15 Luglio 2018 ore 21 (domenica ore 18) VIVA LA LIBERTÀ Sono giorni che il proprietario te...


Teatro Tordinona


Sala Pirandello


14- 15 Luglio 2018 ore 21
(domenica ore 18)

VIVA LA LIBERTÀ

Sono giorni che il proprietario terriero Pùntila,non rientra a casa.Gozzoviglia assieme
a suo cugino,il Giudice Federico,e bevono.Si direbbe non facciano altro. Suo
malgrado,il servo e choffeur Matti Altonen è con loro. Obbligato ad aspettare,ad
accompagnare il padrone ovunque voglia andare.
Che peccato fare ciò che non si vuole fare.
Bisogna però rientrare prima o poi,tanti impegni attendono Giovanni Pùntila,badare
alla proprietà,dare ordini,calcolare le finanze,organizzare il matrimonio della figlia
Eva.
Che peccato vivere una vita che non si vuole vivere...

Note di regia
Io sono un doppio. Una parte di me vuole e deve scrivere queste note di regia per far
comprendere meglio lo spettacolo che vedrete,l'altra parte,vorrebbe bersi una menta
fredda a bordo piscina senza l'ansia di dover progettare in continuazione modi per
vivere di Arte.
I ragazzi di questo laboratorio che gestisco da due anni e la cui stagione 2017/2018
concludo con la messa in scena di “Viva la libertà”,anche loro sono doppi,divisi.Tra
“l'impazzire in sala” - è come una volta un allievo ha definito la sua felice condizione-e
gli esami universitari,il lavoro,le difficoltà di questa giungla metropolitana.
Pùntila è un doppio.Diviso tra ciò che è e ciò che l'ambiente esterno e il suo ruolo gli
impongono di essere.E così tutti coloro che sono legati a lui;i domestici,la figlia,gli
approfittatori,gli amici.
La soluzione più semplice sarebbe vedere Pùntila liberato dalla sua schiavitù,ci
sentiremmo tutti meglio. Ma sapremmo riprodurlo per noi stessi?
Forse,c'è speranza per chi senza ostentare,nell'ombra,nella solitudine dei propri
sforzi,sacrifica delle piccole comodità,per qualcosa di più grande. Per poter dire
mentre si cammina verso l'orizzonte ”Viva la libertà”.

Teatro Tordinona Sala Strasberg Dal 5 all' 8 Luglio e dal 10 al 13 Luglio 2018 ore 21 LA STORIA DELLO ZOO Sinossi ...


Teatro Tordinona



Sala Strasberg



Dal 5 all' 8 Luglio e dal 10 al 13 Luglio 2018 ore 21


LA STORIA DELLO ZOO


Sinossi
Una signora borghese che lavora per una casa editrice trascorre ogni Domenica pomeriggio leggendo un libro, seduta su una panchina di Central Park. Una di queste Domeniche le si avvicina un'altra donna, strana e misteriosa, che inizia una conversazione con lei. Il dialogo tra le due donne oscilla tra violenza e tentativi di comprensione, tra il logico e il surreale. Fino a quando...

Note di regia
Come tutte le opere di Edward Albee, anche La Storia Dello Zoo è complessa, controversa, piena di colpi di scena. Molte le tematiche affrontate, tra cui i rapporti umani, l'alienazione dell'uomo nelle grandi città, la mancanza di comunicazione tra esseri umani, il capitalismo e il sogno americano, la sessualità.

Note sull'autore
Edward Albee scrisse La Storia Dello Zoo nel 1958, in meno di tre settimane. Esso fu rappresentato per la prima volta a Berlino l'anno successivo, e poi negli Stati Uniti nel 1960. Ebbe un enorme successo, e ad Albee fu riconosciuto il merito di aver riportato dall'Europa le tecniche del Teatro dell'Assurdo. Nel 1962 Albee scrisse Chi Ha Paura Di Virginia Woolf? che gli garantì la fama internazionale.